0633

Il divano è sicuramente presente nella quasi totalità delle case di noi italiani, sia esso in velluto, in pelle o in alcantara, riveste un ruolo importante per l’arredamento della casa, tanto da diventar l’anima del salotto, il luogo di relax e svago eletto per eccellenza.
Ma come mantenerlo in ordine?
In questo articolo cercheremo fornire una semplice guida per la corretta pulizia ed igiene del nostro divano in base ai diversi materiali con cui lo stesso è costruito.
Divano in stoffa – macchia di piccole dimensioni
Il detergente migliore è senza alcun dubbio il sapone di marsiglia. Questo prodotto risulta efficace e non aggressivo per i materiali, pertanto nel caso in cui si voglia procedere ad eliminare una macchia di sporco si potrà inumidire il sapone, strofinarlo sulla parte interessata, lasciarlo agire per una ventina di minuti e rimuoverlo risciacquando con cura la parte.

Divano in pelle – tinte naturali
Se il divano futon in pelle si è macchiato di inchiostro si potrà strofinare del latte detergente viso con un apposito batuffolo di cotone lasciandolo agire qualche minuto ed avendo cura di rimuoverlo con un panno morbido.
Qualora l’inchiostro sia fresco è possibile spargere del borotalco in modo da assorbile il liquido e poi si potrà procedere come descritto in precedenza.
Divano in pelle – colorato
Per evitare di scolorire la parte potrà esse utilizzato il sapone di marsiglia come per i divani in stoffa.
Il sapone eliminerà ogni tipo di macchia e lascerà la superficie immacolata e ben nutrita.
Divano in velluto
Uno dei materiali più delicati è il velluto e quindi anche la sua pulizia richiederà maggior attenzione.
Per evitare di rovinare il rivestimento del nostro divano occorrerà anche in questo caso munirsi di sapone di Marsiglia e nel caso di sporco molto resistente potrà esser usato al posto della comune acqua e dell’aceto bianco. Il risultato sarà strabiliante.
Divani in Alcantara
Anche per questo tipo di materiale occorre evitare agenti aggressivi preferendo saponi neutri come quello di Marsiglia.

56565

Come tutti sappiamo, la scelta del giusto arredamento è dettata dall’ innamorarsi inizialmente di determinati stili.

Lo stile e la costruzione dei mobili deve durare molti anni, quindi considerare i dettagli e la qualità di costruzione di un particolare pezzo è un buon modo per non sbagliare.

Ecco i fattori da tenere in considerazione:
Costruzione: il mobile deve essere solido e pesante. Evitate materiali in leggera di alluminio e preferite le costruzioni massicce di legno. Gli infissi in legno massello in genere durano molto più a lungo ed è lo standard per i mobili di pregio. Tuttavia, assicuratevi che il prezzo sia in linea con le vostre aspettative e stabilite per quanto tempo il pezzo è destinato a durare.
Silhouette: La forma è legata ad una moda o è destinata ad essere un classico? Un mobile è un investimento nella vostra casa. Scegliete una silhouette che vi piace ora e in futuro. Ciò non significa, tuttavia, che si debba scegliere qualcosa di informe o senza stile. Sia che le vostre preferenze siano contemporanee o tradizionali, ci sono molte opzioni disponibili sul mercato.
Finitura: Se il vostro mobile è in legno, le macchiedi colore o le finiture sono un punto importante da prendere in considerazione. Molti pezzi possono essere modificati in modo importante dal colore della finitura. Si può facilmente trasformare un  mobile dal tradizionale al contemporaneo, modificando il colore. Allo stesso modo, un pezzo di mogano verniciato bianco sarà considerato molto più femminile.
Tessuto: i tessuti di colore più chiaro sono appropriati per un formale soggiorno o una camera da letto. Tuttavia, se questo è un pezzo di arredamento che verrà utilizzato di frequente, si consiglia di scegliere un tessuto leggermente più scuro.
Particolari: Cercare mobili che hanno elementi particolari o ha qualche personalità. La forma complessiva del pezzo potrebbe essere non convenzionalea. In ogni caso il vostro stile personale dovrebbe riflettersi nel pezzo di mobili che si sceglie.

Articolo realizzato con la collaborazione di Piran Sigfrido – interior design Padova